Bocchetta di Camedo

Luglio 2020 e al quinto mese di gravidanza.
Diciamolo, niente può fermare le avventure sulle splendide montagne della nostra regione!

Esattamente non sapevamo dove saremmo arrivati, però abbiamo deciso di partire comunque per questa bellissima escursione.
Il nostro obiettivo era passare una bella giornata in montagna, ed é quello che abbiamo fatto!


Cliccate qui, per andare direttamente alla cartina con il percorso.

Di seguito la mappa con le indicazioni per il parcheggio.

Partenza:
Diga Roggiasca, Val di Roggiasca, Mesolcina, Grigioni.

Arrivo:
Bocchetta di Camedo, Mesolcina, Grigioni.

Lunghezza percorso:
circa 11 km.

Durata:
1h ai Monti di Lanes;
2h all’Alp d’Aian;
3h15 alla Bocchetta di Camedo.
5h30 il giro completo.

Difficoltà:
T3.

Dislivello:
1’128 metri.


Raggiungiamo la diga in Val di Roggiasca, tramite la lunghissima, infinita e un po’ bruttina strada forestale che parte da Roveredo paese.

Raggiunta la diga, lasciamo l’auto e ci incamminiamo dapprima sul muro della diga e successivamente nel bosco.

Il sentiero che dalla diga porta ai Monti di Lanes é piuttosto ripido, sempre ben in salita e un po’ scivoloso.
Per fortuna però il bosco e gli alberi erano ben folti da riuscire a ripararci dai caldissimi raggi del sole.

In men che non si dica raggiungiamo i Monti di Lanes.
Superiamo alcune cascine e proseguiamo, percorrendo il sentiero che prosegue al di sopra dei monti.

Sempre all’interno del bosco, il sentiero ora prosegue piuttosto pianeggiante.
I cartelli dei sentieri indicano la nostra meta. Seguiamo queste indicazioni fino alla prossima tappa: l’Alp d’Aian.

Finalmente dopo un paio di ore raggiungiamo l’Alpe.
Superiamo le moltissime mucche al pascolo e ci dirigiamo verso la bocchetta che vediamo proprio di fronte a noi, meta di oggi.

Abbandoniamo l’Alpe per salire a slalom lungo una boscaglia.

Dalla boscaglia non manca più molto, ci troviamo di fronte alla Punta di Valstorna, proseguiamo ai piedi di questa splendida cima e in poco tempo raggiungiamo la nostra meta.

A questo punto siamo esattamente sul confine tra Italia e Svizzera.
Guardando di fronte a noi, lungo il lago italiano, in lontananza il Lago di Como rispecchiava il colore del cielo. Stupendo!

Ci rilassiamo e ci godiamo la splendida vista di fronte a noi.
Eravamo quasi tentati di proseguire per la Punta di Valstorna, ma il sentiero non era segnato e il percorso era un po’ troppo esposto ai precipizi. Sarà per la prossima volta!

A metà pomeriggio decidiamo che é ora di rientrare, peccato! Questo posto é davvero stupendo! Ci ha lasciato senza fiato.

Escursione senza nessuna particolare difficoltà.
Un’inizio di sentiero piuttosto impegnativo, un po’ lungo come percorso, ma nel complesso paesaggi e giornata stupendi!


English


July 2020 and in the fifth month of pregnancy.
Let’s face it, nothing can stop the adventures in the beautiful mountains of our region!

We didn’t know exactly where we would arrive, but we decided to leave anyway for this beautiful excursion.
Our goal was to have a nice day in the mountains, and that’s what we did!


Click here, to go directly to the map with the route.

Below is the map with directions for parking.

Departure:
Roggiasca Dam, Val di Roggiasca, Mesolcina, Grisons.

Arrival:
Bocchetta di Camedo, Mesolcina, Grisons.

Path length:
about 11 km.

Duration:
1h to the Lanes Mountains;
2h at the Alp d’Aian;
3h15 to Bocchetta di Camedo. 5h30 the complete tour.

Difficulty:
T3.

Difference in altitude:
1,128 meters.


We reach the dam in Val di Roggiasca, via the very long, infinite and somewhat ugly forest road that starts from Roveredo town.

When we reach the dam, we leave the car and walk first on the dam wall and then into the woods.

The path that leads from the dam to the Lanes Mountains is quite steep, always uphill and a little slippery.
Fortunately, however, the woods and trees were thick enough to be able to shelter us from the very hot rays of the sun.

In no time at all we reach the Monti di Lanes.
We pass some farmhouses and continue, following the path that continues above the mountains.

Still inside the forest, the path now continues rather flat.
The trail signs indicate our destination. We follow these directions until the next stop: the Alp d’Aian.

Finally after a couple of hours we reach the Alp.
We pass the many grazing cows and head towards the mouth we see right in front of us, today’s destination.

We leave the Alpe to climb slalom along a bush.

There is not much left from the bush, we are facing the Punta di Valstorna, we continue at the foot of this splendid peak and in a short time we reach our destination.

At this point we are exactly on the border between Italy and Switzerland.
Looking in front of us, along the Italian side, in the distance Lake Como reflected the color of the sky. wonderful!

We relax and enjoy the beautiful view in front of us.
We were almost tempted to continue to Punta di Valstorna, but the path was not marked and the path was a little too exposed to the precipices. Maybe next time!

In the middle of the afternoon we decide it’s time to go back, too bad!
This place is truly gorgeous! It left us breathless.

Excursion without any particular difficulty.
A rather challenging start of the path, a bit long as the path, but overall beautiful landscapes and days!

Latest posts by Graubünden on Tour (see all)

Rispondi