Cima del Gaggio

Ricordi di una calda e splendida estate…

Una delle prima escursioni nella neve fu la Cima del Gaggio. Che, purtroppo, a causa della mancanza delle giuste attrezzature, non raggiungemmo per poco.

Così, quest’estate abbiamo deciso di dirigerci verso questa cima che tanto ci ha fatto sudare in inverno.


Cliccate qui, per andare direttamente alla cartina con il percorso.

Partenza:
Mornera, Bellinzonese, Ticino.

Arrivo:
Cima del Gaggio, Bellinzonese, Ticino.

Lunghezza:
9.65 km.

Durata:
1h30 alla capanna, + 1h alla cima.
4h30 il giro completo.

Difficoltà:
T3.

Dislivello:
982 metri.


Raggiungiamo in auto la stazione di partenza della Funivia situata a Monte Carasso che porta a Curzutt e Mornera.

Lasciamo l’auto nei parcheggi laterali con il parchimetro e ci dirigiamo verso la funivia.
Acquistiamo i biglietti di andata e ritorno per Mornera e saliamo sulla cabina che ci porta fino all’ultima stazione.

Raggiunta Mornera, scendiamo dalla cabina e ci incamminiamo verso la Capanna Albagno.

In venti minuti, tramite un sentiero largo e leggermente in salita, raggiungiamo questo piccolo stagno.

Superiamo lo stagnetto e proseguiamo.
Attraversiamo il bosco e sbuchiamo fuori poco dopo, seguendo il sentiero che costeggia la Cima della Pianca.

In lontananza il luganese con la sua solita foschia appariva in mezzo alle montagne.

Continuiamo attraverso gli alberi e tutta la vegetazione di un verde acceso.

Alla nostra destra appariva la Valle Mesolcina.

Attraverso l’alta vegetazione, la nostra cima appariva splendidamente aperta e torreggiante su tutto ciò che la circondava.

Ci lasciamo alle spalle il verde e fresco bosco per proseguire sul sentiero privo di piante e alberi. Il sole ci picchiava in testa. In questi casi il cappellino é d’obbligo!

Dopo un”ora e mezza di cammino, raggiungiamo la piccola e bellissima Capanna Albagno.

La sua posizione era perfetta. Posta sulla collina, riparata dalla cima della montagna.
Ci fermiamo per una breve pausa poi riprendiamo il cammino verso la cima.
La capanna era posta esattamente a metà strada.

Iniziamo l’ardua risalita.
Se fino a questo punto il sentiero era piuttosto leggermente in pendenza, ora qui la salita era bella ripida ed intensa.

Salendo, ci lasciamo alle spalle la piccola capanna e il grande Lago di Lugano, sempre abbracciato dalla foschia.

La cima con la sua croce era sempre più vicina.

Superate le due piccole bocchette un po’ esposte ai precipizi, arriviamo sulla cresta della nostra montagna e proseguiamo così finché non raggiungiamo la croce.

La maestosa cima dell’uomo di fronte a noi troneggiava su tutto ciò che la circondava.

Dopo due ore e mezza di cammino e 982 metri di dislivello, giungiamo alla croce della Cima del Gaggio posta a 2’267 metri.

La vista da qui sopra era splendida. Un po’ di nuvole e di nebbia andavano e venivano, nascondendo di tanto in tanto il paesaggio.
Per fortuna però, dopo aver mangiato, la meteo ci ha dato la possibilità di scattare le foto del paesaggio senza nebbia. Stupendo!

Dopo aver goduto della bellissima vista che si ha dalla Cima del Gaggio, decidiamo che é ora di rientrare.

Una bella merenda ci attendeva alla Capanna!

Questa é una bellissima cima che consiglio a tutti di visitare.
L’escursione non presenta nessuna difficoltà.

Graubünden on Tour.


English


Memories of a hot and beautiful summer …

One of the first hike in the snow was the Cima del Gaggio. Which, unfortunately, due to the lack of the right equipment, we didn’t reach.

So, this summer we decided to head towards this peak that made us sweat so much in winter.


Click here, to go directly to the map with the route.

Departure:
Mornera, Bellinzonese, Ticino.

Arrival:
Cima del Gaggio, Bellinzonese, Ticino.

Length:
9.65 km.

Duration:
1h30 to the hut,
+ 1h to the top.
4h30 the complete tour.

Difficulty:
T3.

Difference in altitude:
982 meters.


We reach by car the departure station of the cable car located in Monte Carasso which leads to Curzutt and Mornera.

We leave the car in the side car parks and head towards the cable car.
We buy go and return tickets to Mornera and get on the cabin that takes us to the last station.

Reached Mornera, we get off the cabin and walk towards the Albagno hut.

In twenty minutes, through a wide and slightly uphill path, we reach this small pond.

We overcome the pond and continue.
We cross the wood and come out shortly after, following the path that runs along the Cima della Pianca.

Far away the Luganese with its usual haze appeared in the middle of the mountains.

We continue through the trees and all the bright green vegetation.

To our right appeared the Mesolcina Valley.

Through the high vegetation, our summit appeared beautifully open and towering over everything that surrounded it.

We leave behind the green and fresh wood to continue on the path devoid of plants and trees. The sun was beating down on our heads. In these cases, the hat is a must!

After an hour and a half of walking, we reach the small and beautiful Albagno hut.

Its location was perfect. Located on the hill, sheltered by the mountain top.
We stop for a short break then resume the journey to the top.
The hut was placed exactly halfway.

We begin the arduous ascent.
If up to this point the path was rather slightly uphill, now the climb here was pretty steep and intense.

Going up, we leave behind the small hut and the large Lake of Lugano, always embraced by the mist.

The summit with its cross was getting closer and closer.

After passing the two small vents a little exposed to the precipices, we arrive on the crest of our mountain and continue like this until we reach the cross.

The majestic summit of the man in front of us dominated everything that surrounded it.

After two and a half hours of walking and 982 meters in altitude, we arrive at the cross of the Cima del Gaggio located at 2,267 meters.

The view from above was amazing. A bit of clouds and fog came and went, hiding the landscape from time to time.
Fortunately, however, after eating, the weather gave us the opportunity to take pictures of the landscape without fog. Really amazing!

After enjoying the beautiful view from the Cima del Gaggio, we decide it’s time to go back.

A nice snack awaited us at the hut!

This is a beautiful peak that I recommend everyone to visit.
The hike does not present any difficulty.

Graubünden on Tour.

Rispondi