Lagh de Calvaresc

Un paio di anni fa siamo già stati in questo luogo bellissimo, ma non avendo avuto i giusti dispositivi per scattare fotografie abbiamo deciso di ritornarci.
Questa volta insieme a mia sorella e al suo ragazzo.


Cliccate qui, per andare direttamente alla cartina con il percorso.

Partenza:
Alp de Becc (con l’AUTORIZZAZIONE), Soazza, Mesolcina.

Arrivo:
Lagh de Calvaresc, Valle Calanca.

Lunghezza percorso:
circa 18 km.

Durata:
Circa 3h per la salita.

Difficoltà:
T3 con alcuni punti esposti a degli strapiombi.

Dislivello:
966 metri di salite.
250 metri di discese.


Quest’oggi, abbiamo optato per partire da Soazza, dall’Alp de Becc.
Qualche giorno prima abbiamo contattato il Comune di Soazza chiedendo il permesso di salire tramite questa strada forestale, ci é stato concesso consegnandoci l’autorizzazione cartacea e facendoci pagare 20.- per il transito.

Raggiungiamo in auto l’Alp de Becc, parcheggiamo alla fine della strada, proprio accanto alla cascata, e da qui ci incamminiamo per il lago.

Superiamo le allegre mucche al pascolo e ci immettiamo nel sentiero che passa accanto alle cascine in sasso.

Ci incamminiamo sul morbido sentiero erboso, seguendo le indicazioni per il Pass de Buffalora.

Superiamo l’Alp de Becc Sot poi circa venti minuti dopo superiamo l’Alp de Becc Sura e continuiamo nel bellissimo e verde paesaggio che ci circondava.

Il sentiero non presentava alcuna difficoltà, saliva sempre molto dolcemente ma in modo piuttosto costante.

Superiamo meravigliosi luoghi incantati che assomigliano moltissimo al paesaggio del “Signore degli anelli”: vaste e fiorite radure, verdi e bellissime montagne.

Raggiungiamo un luogo che raffigura un paesaggio lunare, dove, nei canaloni nascosti dal sole, era presente ancora moltissima neve.

Superiamo i vasti spiazzi di neve, lasciandoci alle spalle le altissime e appuntite montagne della Mesolcina e saliamo a serpente raggiungendo la bocchetta.

A questo punto siamo esattamente al centro tra la Val Mesolcina e la Val Calanca.

Al Pass de Buffalora, imbocchiamo il sentiero che costeggia il Fil de Calvaresc e prosegue superando canaloni pieni di neve.

Le altissime montagne della Val Calanca sono maestose. Bellissime e uniche con la loro vertiginosa e ripida altezza.

Proseguiamo sempre costeggiando il filo di queste montagne.

Continuiamo e finalmente intravediamo la Capanna Buffalora.
Al rientro volevamo dargli un’occhiata, ma il tempo non prometteva benissimo così abbiamo lasciato perdere.

Proseguiamo ancora raggiungendo l’Alp de Calvaresc de Sora e poi finalmente arriviamo al bellissimo e speciale lago a forma di cuore.

Prima del servizio fotografico al lago, un buon pranzo é meritato e soprattutto d’obbligo dopo la fatica della salita.

Dopodiché ci godiamo la tranquillità del lago.

Scattiamo moltissime foto ricordo per non dimenticare mai questa meraviglia della natura e con gran dispiacere salutiamo il Lagh de Calvaresc e ci incamminiamo per il ritorno a casa.

Escursione con un grado di difficoltà T3, alcune parti del sentiero sono piuttosto esposte agli strapiombi ma sono munite di catene di ferro: per chi ha le vertigini fare attenzione!

Per il resto, sentiero ben segnalato e senza particolari difficoltà.
Tenere presente che il percorso é piuttosto lungo, avere dunque delle comode scarpe da montagna.

Graubünden on Tour.


English


A couple of years ago we already have been in this beautiful place, but not having the right devices to take pictures, we decided to go back.
This time with my sister and her boyfriend.


Click here, to go directly to the map with the hike.

Departure:
Alp de Becc (with the AUTHORIZATION), Soazza, Mesolcina Valley.

Arrival:
Lagh de Calvaresc, Calanca Valley.

Path length:
about 18 km.

Duration:
About 3h for the climb.

Difficulty:
T3 with some points exposed to overhangs.

Difference in altitude:
966 meters of climbs.
250 meters of descents.


Today, we opted to leave from Soazza, from Alp de Becc.
A few days before, we contacted the Municipality of Soazza asking for permission to go up through this forest road, they allowed us by giving the paper authorization and making us pay 20.- for the transit.

We reach the Alp de Becc by car, park at the end of the road, right next to the waterfall, and from there we walk towards the lake.

We pass the cheerful grazing cows and take the path that passes next to the stone houses.

We walk on the soft grassy path, following the signs for the Pass de Buffalora.

We pass the Alp de Becc Sot then about twenty minutes later we pass the Alp de Becc Sura and continue into the beautiful and green landscape that surrounded us.

The path didn’t present any difficulty, it always went up very gently but fairly steadily.

We overcome wonderful enchanted places that closely resemble the landscape of the “Lord of the rings”: vast and flowery clearings, greens and beautiful mountains.

We reach a place that represents a lunar landscape, where, in the canals hidden from the sun, there was still a lot of snow.

We overcome the vast openings of snow, leaving behind the very high and pointed mountains of Mesolcina and we climb up a snake path reaching the “Bocchetta”.

At this point we are exactly in the center between Val Mesolcina and Val Calanca.

At the Pass de Buffalora, we take the path that runs alongside the Fil de Calvaresc and continues past the canals full of snow.

The very high mountains of Val Calanca are majestic. Beautiful and unique with their dizzying and steep height.

We always continue along the thread of the mountains.

Finally glimpse the Capanna Buffalora.
On the way back, we wanted to have a look, but the weather wasn’t very promising so we let it go.

We continue further reaching the Alp de Calvaresc de Sora and then finally we arrive at the beautiful and special heart-shaped lake.

Before the photo shoot at the lake, a good lunch is deserved and above all a must after the effort of the climb.

Then we enjoy the quiet of the lake.

We take lots of souvenir photos to never forget this wonder of nature and with great regret we say goodbye to the Lagh de Calvaresc and we set off for the return home.

Excursion with a degree of difficulty T3, some parts of the path are rather exposed to the overhangs but are equipped with iron chains: for those with vertigo, be careful!

For the rest, well-marked path and without particular difficulties.
Keep in mind that the path is long, so have comfortable mountain shoes.

Graubünden on Tour.

Categories: grigioni, Mesolcina, Valle calanca

2 Comments

Rispondi