Racchettata al Pizzo Rossetto

Era una splendida e calda giornata. Le previsioni per i prossimi giorni davano fortissimi venti anche a basse quote. Così, per evitare di farci scaraventare dall’altra parte del globo abbiamo deciso di intraprendere subito questa escursione.


Cliccate qui per andare direttamente alla cartina con il percorso che abbiamo effettuato.

Partenza:
Vuscéit di Sotto, Blenio, Ticino.

Arrivo:
Pizzo Rossetto, Blenio, Ticino.

Lunghezza:
8.80 km.

Durata:
1h50 la salita.
3h il giro completo.

Difficoltà:
WT2.

Dislivello:
675 metri.


Ad inizio febbraio, che in giro ci sia così poca neve é già strano e anche un po’ malinconico.
Di solito in questo periodo si riescono a fare delle racchettate completamente immersi in metri e metri di neve.

Comunque a noi per questo giro é andata ancora bene perché, in quanto vi era poco ghiaccio sulla strada siamo riusciti ad arrivare fino ad un bel punto di partenza.
Normalmente per questa escursione il punto iniziale é Anvéuda. Però, visto che da Vuscéit di sotto in avanti c’era troppa neve e troppo ghiaccio, abbiamo lasciato l’auto a lato della strada, vicino alle casette.

Partiamo quindi da Vuscéit, in poco tempo raggiungiamo un altro piccolo paesino con molte casette chiamato Marzanéi.
Qui vi é la deviazione: a sinistra per la Capanna Dötra mentre a destra per Anvéuda e il Pizzo Rossetto.
Noi proseguiamo a destra.

Raggiungiamo in una decina di minuti un altro vasto spiazzo dove vi sono un paio di case: qui siamo a Simöu.

Continuiamo la nostra racchettata passando per il Piano di Léigra e vedendo da lontano il paese chiamato Anvéuda.

Passiamo oltre immettendoci in un bosco di larici e sbucando fuori poco dopo aver superato quasi 300 metri di dislivello.

Usciti dal bosco, ci troviamo sul Passo Cantonill.
Non manca più molto, proseguiamo ancora un po’ fino a raggiungere i cartelli con le indicazioni.
Seguiamo il sentiero per 50 metri come scritto nei cartelli e poi svoltiamo a destra seguendo la montagna di fronte a noi.

Alle nostre spalle, alzandoci sempre di più di dislivello, ammiriamo il bellissimo paesaggio innevato.

Saliamo per un altro centinaio di metri di dislivello fino a giungere ai piedi del Pizzo Rossetto.
Qui sopra il vento iniziava a spingere creando dei bellissimi disegni sulla neve.

In 10 minuti siamo sulla cima.
Il vento freddo ci faceva volare i capelli da tutte le parti.

Piuttosto velocemente abbiamo mangiato il panino e scattato più foto che potevamo.
La diga del Luzzone così piccola di fronte a noi era davvero bellissima da vedere.
Le nostre mani stavano iniziando a congelarsi!

Tiriamo assieme le nostre cose, indossiamo nuovamente lo zaino e decidiamo di ritornare giù.

In un attimo ci troviamo alla macchina.

Bellissima escursione.
Piuttosto breve come gita e nulla di estremamente complicato, possibile farla anche in una mezza giornata.

Bellissimi scenari invernali in una splendida e super soleggiata giornata di febbraio.

Graubünden on Tour.


English


It was a beautiful and warm day. The forecasts for the next few days gave very strong winds even at low altitudes. So, to avoid being thrown across the globe, we decided to immediately undertake this excursion.


Click here to go directly to the map with the route we have made.

Departure:
Vuscéit di Sotto, Blenio, Ticino.

Arrival:
Pizzo Rossetto, Blenio, Ticino.

Length:
8.80 km.

Duration:
1h50 to go up. 3h the complete tour.

Difficulty:
WT2.

Difference in altitude:
675 meters.


In early February, that there isn’t so much snow around is already strange and also a little melancholy.

Usually in this period you can make snowshoes completely immersed in meters and meters of snow.

However, for us this lap still went well because, as there was less ice on the road we managed to get to a nice starting point.

Normally for this excursion the starting point is Anvéuda. However, since there was too much snow and too much ice from Vuscéit below forward, we left the car at the side of the road, near the houses.

So let’s start from Vuscéit, in a short time we reach another small village with many houses called Marzanéi.
Here there is a detour: left for Capanna Dötra while right for Anvéuda and Pizzo Rossetto.
We continue to the right.

In about ten minutes we reach another vast open space where there are a couple of houses: here we are in Simöu.
We continue our racket passing through the Piano di Léigra and seeing the village called Anvéuda from afar.

We go further by entering a larch forest and coming out shortly after having overcome almost 300 meters in altitude.
Once out of the woods, we are on the Cantonill Pass.

It didn’t miss a lot to our destination, we continue a little further until we reach the signs with indications.
We follow the path for 50 meters as written in the signs and then we turn right following the mountain in front of us.

Behind us, rising more and more in altitude, we admire the beautiful snowy landscape.
We climb for another hundred meters in altitude until we reach the foot of Pizzo Rossetto.

Here above the wind began to push creating beautiful designs on the snow.
In 10 minutes we are on the top.
The cold wind made our hair fly from all sides.

Rather quickly we ate the sandwich and took as many photos as we could.
The Luzzone dam so small in front of us was really beautiful to see.
Our hands were starting to freeze!

We pull our things together, put on the backpack again and decide to go back down.

In a moment we are at the car.
Beautiful excursion.
This is a short excursion and nothing extremely complicated, it is possible to do it even in a half day.
Beautiful winter scenarios on a splendid and super sunny February day.

Graubünden on Tour.

Categories: bellinzonese, blenio, ticino

Rispondi