Cima della Trosa

Bentornati esploratori!

Con queste splendide giornate di sole siete riusciti a ritagliare un po’ del vostro tempo per dedicarvi alla natura?

Noi si! In questa settimana siamo stati in vari luoghi, oggi voglio parlarvi della Cima della Trosa.

Eravamo intenzionati ad andare fino al Madone, ma purtroppo per il clima, nascosta dietro alla montagna vi era ancora troppa neve, quindi abbiamo intrapreso il viaggio solo fino alla prima Tappa.


Ecco per voi la cartina con il percorso, cliccate qui.

Partenza: Cimetta, Locarnese, Ticino, Svizzera.

In auto: La via più breve é la strada Cantonale in direzione di Locarno, e poi prendere l’uscita in direzione Orselina/Brione s.M/Muralto/Minusio.

La strada porterà direttamente alla partenza della funicolare, accanto vi sono dei posteggi: gratuiti in inverno e a pagamento (purtroppo) in estate.

Con i mezzi pubblici: Noi in questa escursione siamo andati con i mezzi pubblici, ed infatti é stato molto comodo e senza stress.

Si prende il treno regionale S20 fino a Locarno. Pochi metri di distanza dalla stazione si trova la funicolare che porta a Orselina. Da Orselina vi sarà un’altra funicolare per Cardada e da Cardada ci sarà la Seggiovia per Cimetta.

Itinerario:
➳ Locarno ➳ Funicolare ➳ Orselina ➳ Funicolare ➳ Cardada 1’329m ➳ Seggiovia ➳ Cimetta 1’671m ➳ Cima della Trosa 1’869m ➳ Ritorno seguendo lo stesso sentiero.

Arrivo: Cima della Trosa, Locarnese, Ticino, Svizzera.

Durata: 30 minuti da Cimetta.

Volevamo andare fino al Madone per rendere la passeggiata più lunga, ma vista la neve nascosta, abbiamo deciso di andare solo fino alla Cima della Trosa.

Difficoltà: T2.

Dislivello: 198 m.


Nella prima domenica primaverile di marzo, decidiamo di fare un bel giretto nel Locarnese.

Optiamo per la Cima della Trosa e nostra intenzione era proseguire poi fino al Madone, ma visto il sentiero non proprio ben agibile, decidiamo di andare solo fino alla Trosa.

Partenza da Cimetta, appena scesi dalla seggiovia si prende il primo sentiero subito in basso a sinistra e superiamo il primo cartello con le indicazioni.

Superati i primi dieci minuti di sentiero ci troviamo ad ammirare tutti i parapendisti che prendevano la ricorsa per lanciarsi.

Come tantissime rondini in partenza.

Continuiamo lungo il sentiero e poco dopo sulla nostra destra intravediamo una parte del piano di Magadino.

Salendo sempre di più riusciamo a vedere il Lago Maggiore sempre più grande.

Peccato per il cielo un po’ nuvoloso, ma anche così le fotografie hanno il loro fascino.

In questa fotografia sono riuscita ad immortalare un parapendista alle prese con il suo volo.

Posso solo immaginare la splendida sensazione che si prova a lanciarsi e a fluttuare come una nuvola sopra ogni cosa.

Devi sentirti libera, leggera e senza pensieri.

Superato il nostro amico parapendista, ancora pochi minuti di camminata e giungiamo al bivio con i cartelli che trovate qui sotto

Decidiamo di proseguire a sinistra fino alla Cima della Trosa, dove facciamo pranzo tranquilli e naturalmente scattiamo qualche foto del panorama sottostante.

Questo é il Madone, che purtroppo quest’oggi non abbiamo raggiunto, ma che prima o poi raggiungeremo.

Finito di mangiare e di scattare le nostre foto decidiamo di tornare indietro al bivio e di andare sul monte più accanto per fare delle foto dall’alto del Lago.

Visto che ci abbiamo messo meno di quanto pensavamo, avevamo ancora molto tempo per fare altre foto, e così abbiamo fatto.

In quanto era ancora presto per tornare a casa, al ritorno, ci siamo fermati a bere una bella gazzosa a Cimetta e poi scesi con la seggiovia a Cardada ci siamo fermati nel famoso Ponte a fare altre foto prima di rientrare.

Ed eccoci al termine di questa “mini” escursione.

Questa é una di quelle tante passeggiate che sono fattibili anche per gli escursionisti meno esperti.

È molto semplice e veloce, ma soprattutto con una splendida vista!

Consigliata a tutti!

Quindi esploratori che avete poco tempo… nessuna scusa!

Ci sono passeggiate come queste pronte per voi!

P.s.

Se volete allungare la passeggiata, potete: o andare su a piedi o andare giù a piedi, a dipendenza dei vostri impegni e della vostra condizione fisica :P!

A presto e alla prossima avventura!

Graubünden on Tour.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: