Motto della Croce – Capriasca

Bentornati escursionisti!!

Oggi voglio parlarvi di una splendida passeggiata con vista che noi abbiamo intrapreso pochi giorni fa.

Questa é un’altra di quelle passeggiate che si vogliono fare in mezza giornata. Non troppo difficile né troppo lunga.

La vista é spettacolare, l’unica pecca di questa gita é che, essendo in collina, le raffiche di vento sono estremamente forti, quindi vi consiglio, quando arrivate sulla cima, di mettervi tanti sassi nello zaino se no il vento vi porta via!! 😛


Scherzi a parte, ecco per voi la cartina con il percorso, cliccate qui.

Partenza: Borisio, Bidogno, Valcolla, Luganese, Ticino, Svizzera.

In auto: Autostrada A2 fino all’uscita Rivera. Seguire la strada Cantonale fino a Taverne. Girare poi a sinistra in direzione di Tesserete e seguire la strada che porta a Bidogno, Borisio.

Con i mezzi pubblici: Utilizzare il treno S10 fino a Lugano. Da Lugano Stazione partiranno i Bus 461 in direzione di Tesserete, e da Tesserete partiranno altri Bus 448 in direzione di Bidogno.

Itinerario:

➳ Borisio 1’074m ➳ Pianone ➳ Motto della Croce 1’393m ➳ Ritorno seguendo lo stesso sentiero.

Arrivo: Motto della Croce,  Valcolla, Luganese, Ticino, Svizzera.

Durata: 45 minuti la salita.

Difficoltà: T2.

Dislivello: 319m.

Lunghezza: 6.7 km.


Ed eccoci in un’altra giornata per un’altra nuova escursione.

Stavolta ci siamo spostati nel luganese. Più precisamente nella Valcolla.

In auto ci siamo diretti a Borisio, piccolo paesello in montagna poco dopo Bidogno.
Ci vuole un po’ ad arrivare su in cima perché é il tipico tratto stradale di montagna: stretto, pieno di buche e di curve.

Giunti ai Monti di Borisio, indossiamo zaino, scarponi, ma non la giacca visto che era caldissimo, e partiamo.
Già da 1’000 metri la vista sul lago é spettacolare.

Proseguiamo lungo il sentiero ben battuto.
Il San Salvatore che domina il lago dal centro é fantastico.
Superiamo un paio di cascine e continuiamo il nostro cammino.
Il percorso saliva sempre molto dolcemente. Per fortuna! Visto che era molto caldo!

Lungo il percorso, in mezzo agli abeti, intravediamo i Denti della Vecchia con la loro tipica forma aguzza, inconfondibile.
A questo punto ci troviamo ad un bivio, noi proseguiamo a sinistra, in direzione M. Croce.

Da lontano riusciamo a vedere il Monte Bar con la sua Capanna.
Quest’ultima é molto bella, é stata ri-modernizzata non molto tempo fa.
Intanto proseguiamo sempre salendo leggermente.

Dopo una buona mezz’ora la vista che ci si para davanti é la seguente: i raggi del sole che ci avvolgono e il lago accerchiato dalle sue montagne.
Un panorama davvero fantastico.
La fatica che si fa a salire é tutta ripagata dallo spettacolo del paesaggio che ci sta attorno.

Continuiamo e dopo pochi minuti finalmente intravediamo la Croce!

Dopo tre quarti d’ora di camminata finalmente siamo giunti al Motto della Croce.
La vista da qui sopra era davvero stupenda, si rimane letteralmente senza parole.
Il cielo era di un azzurro così acceso, e con poche nuvole sparse in giro.
L’unica pecca: il vento. Era davvero fortissimo qui sopra.

Ora capisco perché tante volte, anche in inverno, le cime delle montagne sono senza neve, come quando siamo andati sul Motton, il vento ha fatto volare via tutta la neve che c’era!

Per riuscire a mangiare decentemente, senza che le raffiche ci facessero cadere o far volar via il pranzo, abbiamo dovuto nasconderci davanti alla croce.

Dal Motto, c’era la possibilità di proseguire per molte altre mete.
Una cosa che prima o poi faremo, sarà andare sul Monte Bar.

lrm_export_538885001809848_20190224_074030070.jpeg

Dal Motto della Croce, se ci voltiamo a destra troviamo il Monte Tamaro e seguendo tutte le creste fino a sinistra scorgiamo il Monte Lema.
Questa é la famosa traversata Tamaro – Lema. Altra escursione della durata di circa quattro ore e mezza. Non molto difficile ma molto lunga.

Passeggiata ricca di emozioni e di splendidi paesaggi.
La vista che si trova da questa altezza – che se si pensa non é poi così alto 1’393 metri – é stupenda.

Dopo aver ammirato ancora per un po’ di tempo lo scenario di tutto il Lago di Lugano – che ci ha fatto rilassare davvero molto – abbiamo deciso di tornare indietro.

Breve, ma intenso!
Ve la consiglio assolutamente questa gita perché é perfetta per tutti!

A presto con la prossima escursione!

Graubünden on Tour.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: